advance-booking-coinvolge-mete-tradizionali

È stato il trend più evidente dei primi mesi del 2019. L’ early booking (o advance booking) ha spopolato tra TO e agenzie di viaggio da gennaio a marzo. Tanto da spingere alcuni player ad ammettere di non aver mai vissuto un’annata così in anticipo.

L’ early booking altro non è che la prenotazione anticipata di viaggi e vacanze. Anticipare con largo anticipo la scelta e l’acquisto di un pacchetto vacanza, di un biglietto aereo o di una camera di albergo permette di risparmiare sulla tariffa, questo perché il tour operator, la compagnia aerea o l’hotel – applicando uno sconto a chi sceglie l’early booking – si assicura presenze certe.

Il concetto è lo stesso del Last minute ma l’early booking è esattamente al contrario. Il prezzo è perciò ridotto anche se in molti casi occorre saldare anticipatamente ciò che si è prenotato: non sempre è possibile pagare solo un acconto e poi il saldo in prossimità della data di partenza. Il fatto di pagare tutto in anticipo però di norma assicura un ulteriore piccolo sconto.

Prenotare le vacanze di agosto, ad esempio, già a febbraio è il classico esempio di early bookin che offre tariffe sicuramente inferiori a quelle proposte per periodi di alta stagione. Prezzo finito senza asterischi, contingenti, scritte in piccolo e il bambino gratis sempre. Secondo molti, questo è il modo migliore per stare sul mercato.

Ecco quindi spiegato cosa significa “Offerta early booking” o “early booking discount“, espressioni inglesi a volte nebulose per chi non ha ancora molta dimestichezza con le prenotazioni online ma che celano un trucco vecchio quanto il mondo: prenotare prima fa risparmiare e permette di avere sempre una più ampia scelta a prezzo competitivo.

L’annata anomala del 2019

Quest’anno il lungo ponte di primavera e Pasqua e il maltempo di maggio, hanno comportato un brusco arresto delle vendite, fino a stagione estiva ormai inoltrata. La primavera ha cannibalizzato l’anticipo dei volumi come mai visto prima, ma la curva dell’early booking è rimasta grosso modo invariata. I TO ormai da 5 anni puntano parecchio sull’advance booking, allocando i budget su promozioni e comunicazioni ad hoc per anticipare la stagione, in sinergia con fornitori e distribuzione.

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, l’advance booking 2019 ha riguardato anche prodotti storicamente più inclini al last minute. Un esempio su tutti il Mar Rosso. La domanda su Egitto e Tunisia, a marzo aveva già venduto quasi tutto a prezzi coerenti. Ciò significa che se l’offerta è corretta, non solo si vende prima ma anche a prezzi più alti.

Fonte: TTG Italia | Oriana Davini
Redazione Travelgood

Redazione Travelgood

Travelgood è un Provider di servizi per le agenzie di viaggio. Offre soluzioni diversificate attraverso prodotti travel e tecnologie per il mercato turismo. Contattaci per aiutarti a migliorare l'efficienza e la produttività della tua Agenzia e rispondere in modo adeguato alle esigenze dei tuoi clienti.