Zoom Mete-per-l'Estate-Foresta-Nera Travelgood

Facilmente raggiungibile in macchina dall’Italia, la Germania del Sud è una meta perfetta per vacanze, anche brevi, in famiglia.

Inoltre, per gli amanti della natura, del buon cibo e delle tradizioni, questa zona è perfetta perché unisce tutti i cliché che ci si aspetta di trovare visitando la Germania (locali in cui la birra scorre a fiumi, wusterl e patate venduti in ogni angolo, boschi incontaminati a perdita d’occhio, costumi tipici, feste di Paese) con un’ospitalità calda e accogliente, particolarmente attenta ai bisogni delle famiglie.

Mete per l’estate, Foresta Nera a misura di famiglia

Gutach. Alla scoperta del museo all’aperto della Foresta Nera

Nonostante il suo nome, lo Schwarzwälder Freilichtmuseum Vogtsbauernhof, è un museo che riveste un fascino molto particolare per le famiglie. Si tratta, infatti, di un grande spazio all’aperto dove intorno a una vogtsbauernhof (una fattoria tradizionale della zona tipica per l’ampio tetto spiovente coperto con paglia) del XVII secolo sono state ricostruite altre strutture tradizionali, portate qui da varie parti della regione e meticolosamente riadattate secondo lo stile dei tempi e l’antico uso.

Tutte visitabili, adibite ad abitazioni private, a stalla, a mulino, a segheria, a cappella, a luogo di ritrovo, tutte le vogtsbauernhof raccontano con i loro allestimenti un pezzetto della storia contadina tedesca, fatta di duro lavoro, mestieri tradizionali, convivenza tra uomo e animali, vita di comunità. I bambini saranno affascinati dagli artigiani al lavoro, dal vecchio mulino in azione, dall’intaglio del legno o dalla forgiatura del ferro.

Al termine del percorso, un bel parco giochi con tanto di ponte in corda è un’ottima valvola di sfogo per correre e saltare. Mentre nei due ristoranti presenti sul posto è possibile sostare per una pausa pranzo rilassante assaggiando le specialità della cucina tradizionale della zona (da provare assolutamente la buonissima Torta Foresta Nera a base di pandispagna al cioccolato, liquore alla ciliegia e panna montata). Il costo è di 9,90€ per gli adulti. I bambini sotto ai 3 anni non pagano. Esistono biglietti comulativi per famiglie a prezzi ridotti.

Mete estive, Il Museo Degli Orologi a Furtwangen

Furtwangen è una minuscola cittadina di montagna lungo quella che viene chiamata La Strada degli Orologi a Cucù.

In sé non avrebbe nessuna attrattiva se non fosse che proprio qui si trova il più grande Museo degli Orologi al mondo con un’infinità di esemplari in mostra dal XVII secoli sino ai giorni nostri. La visita non richiede più di un paio d’ore e per i bambini a disposizione un tavolo gioco per colorare e disegnare e la possibilità di assistere alla messa in funzione da parte di una guida dei modelli più particolare e interessanti.

Per appassionati del genere e non un museo davvero fuori dal comune, ben organizzato e con tanti particolarità degne di nota. A prescindere dalla propria passione e competenza in fatto di orologi.

Triberg, dove i cucù sono da guiness dei primati

Triberg è un paesino mediamente turistico situato nel cuore della Foresta Nera, circondato da boschi e prati verdeggianti. Deve la sua fama principalmente a due cose: la presenza delle cascate più lunghe della Germania e i due cucù considerati i più grandi del mondo.
Il cucù di Shonach, una decina di chilometri a Nord di Triberg, è sostanzialmente una casetta visitabile, all’interno della quale è collocato un piccolo negozio di souvenir e il meccanismo dell’orologio, che suona ogni mezz’ora. Il cucù dell’Eble Uhren-Park, invece, è considerato il più grande del mondo ed è stato inserito nel Guinness dei primati come tali. Il concetto è il medesimo: una casetta a forma di cucù all’interno della quale è possibile visitare l’enorme negozio di souvenir che vende cucù di tutte le forme e dimensioni e, a pagamento, l’ingranaggio dell’orologio realizzato in legno.

Mete per l’estate, Foresta Nera: a spasso tra le cascate più lunghe della Germania

Sebbene non siano le cascate del Niagara, le Triberger Wasserfälle sono, comunque, le cascate più alte della Germania con i loro 7 salti su 163 metri di dislivello. Meritano, dunque, una visita non tanto per quello che rappresentano, ma perché consentono di organizzare facili passeggiate in mezzo al verde, lungo sentieri battuti e spesso asfaltati, adatti anche ai passeggini e alle carrozzine.

Si cammina in salita per una quarantina di minuti, raggiungendo vari punti panoramici, e si torna in paese percorrendo uno dei tanti sentieri che scendono a valle. All’ingresso, si vendono sacchetti di noccioline americane per sfamare gli scoiattoli della zona che, sicuramente, affascineranno i più piccoli con la loro simpatia.

Francesca Telloli

Francesca Telloli

Account Manager | Tourism Department

Lascia un commento:

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *