Le prospettive sono rosee: i viaggi contano sempre più nella lista degli acquisti dei clienti. Il motivo? L’evoluzione del pensiero delle ultime generazioni: se fino a qualche anno fa il “possedere” era il motore che spingeva i clienti a spendere – e spandere – oggi questo trend sta rallentando per lasciare il posto ad un’altra convinzione. Già dalla Generazione Z, per non parlare dei celebri Millennial, la volontà di spendere il proprio denaro si esprime nell’acquisto dell’esperienza, di qualcosa di inevitabilmente intangibile ma al tempo stesso così viva ed emozionante, che un oggetto materiale non potrebbe mai eguagliare.

Il viaggio, naturalmente, è una delle esperienze, se non LA esperienza per eccellenza, che emoziona e genera ricordi indimenticabili. E allora le nuove generazioni risparmiano sempre più per acquistare il biglietto per la prossima destinazione, avide di conoscenza e inebriate dalla sensazione di giungere in terra straniera.

Secondo uno studio di Expedia, il 74% di coloro che hanno partecipato all’intervista ha dichiarato di privilegiare le spese per esperienze piuttosto che per prodotti, e il 65% dei Millennial ha affermato, per l’appunto, di risparmiare soldi in questo momento da spendere per i prossimi viaggi.

Il mondo del turismo, perciò, può sorridere, con un futuro di giovani viaggiatori che non attendono altro che la possibilità di riempire il borsone e partire all’avventura per vivere l’esperienza – a parer di molti – più bella di tutte.

Redazione Travelgood

Redazione Travelgood

Travelgood è un Provider di servizi per le agenzie di viaggio. Offre soluzioni diversificate attraverso prodotti travel e tecnologie per il mercato turismo. Contattaci per aiutarti a migliorare l'efficienza e la produttività della tua Agenzia e rispondere in modo adeguato alle esigenze dei tuoi clienti.

Lascia un commento:

L'indirizzo email non verrà pubblicato.