Zoom Scontrino-elettronico-agenzie-viaggi-come-funziona Travelgood

Agenzie di viaggio salve, ma solo per il momento. l’1 gennaio 2020 (tra meno di un mese) lo scontrino elettronico sarà una realtà per quasi tutte le attività commerciali. Tra gli esercenti “scampati” ci sono le agenzie di viaggi, che non dovranno preoccuparsi dei corrispettivi telematici per quanto riguarda fee e diritti di agenzia.

Se sul fronte dei pacchetti 74ter vige l’obbligo di fattura elettronica, per i pacchetti organizzati da altri tour operator fattura e autofattura restano un adempimento a carico del fornitore.

Le agenzie di viaggi, dunque, si troverebbero a dover emettere scontrino elettronico solo in pochi casi, come le escursioni e i servizi singoli. Ma per questi casi, relativamente pochi, arriva in soccorso il software messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

Un po’ macchinoso, forse, sicuramente meno rapido rispetto al registratore di cassa, ma assolutamente adatto allo scopo nel caso in cui l’emissione dello scontrino elettronico sia una pratica solo saltuaria.

Il documento del MEF

Nel caos dell’introduzione dello scontrino elettronico, è spuntato fuori un documento dell’Agenzia delle Entrate di 15 anni fa che riapre un discorso apparentemente chiuso. L’ Agenzia delle Entrate, infatti, aveva sottolineato con la risoluzione n.125/E del 29 settembre 2004 che l’esonero dallo scontrino non sarebbe stato previsto nemmeno per le “prenotazioni di servizi in nome e per conto del cliente”, come si legge sul documento.

Il Fisco si era pronunciato così a proposito del Dpr 969 del 1996, ovvero quello che prevedeva appunto l’esonero in questione. L’Agenzia delle Entrate aveva precisato che il Dpr riguardava casi di “estrema marginalità economica” (si legge ancora nella risoluzione del 2004) e dunque i diritti di agenzia, che costituiscono una “vera remunerazione”, non possono godere di questa semplificazione.

Ma il giallo legale non è ancora finito. Perché in tutto questo si va a inserire il decreto ministeriale del 10 maggio 2019 con cui il MEF, all’articolo 1, esonera dall’emissione dello scontrino elettronico le categorie indicate nel Dpr 969 del 1996.

La situazione, ricostruendola, è dunque questa: il Dm del 2019 richiama un Dpr del 1996 che era stato “precisato” dall’Agenzia delle Entrate con un pronunciamento del 2004. I malpensanti potrebbero dire che si tratta di un classico caso di “garbuglio all’italiana”.

Cosa dicono le norme

In realtà il pronunciamento dell’Agenzia delle Entrate non ha valore legislativo. Il documento del Fisco è molto datato e soprattutto non fa legge. Le agenzie di viaggi, per le operazioni precisate prima, sono esonerate come riportato nel decreto ministeriale. Senza contare che oggi come oggi i compensi delle agenzie per queste tipologie di prenotazioni possono sicuramente essere considerati di lieve entità.

In ogni caso, un dettaglio è certo: l’esonero non è per sempre. Insomma, le agenzie di viaggi hanno schivato il colpo dello scontrino elettronico, ma presto o tardi dovranno fare i conti anche con questo adempimento. Il decreto ministeriale parla chiaro: la deroga è destinata a durare fino a una data ancora da precisare e che sarà concordata con le associazioni di categoria. Ma comunque non sarà per sempre.

Come fare con la lotteria degli scontrini?

Resta ancora un dettaglio da precisare: la famosa questione della Lotteria degli Scontrini. Il funzionamento del concorso prevede che il cliente intenzionato a partecipare comunichi all’esercente il proprio ‘codice lotteria’. Per le agenzie, questo vale ovviamente nei soli casi in cui il dettagliante sia tenuto a emettere lo scontrino elettronico e, dunque, per le escursioni oppure i servizi singoli.

Fermo restando che sono previste sanzioni non certo irrisorie per i dettaglianti che si rifiutano di inserire il codice lotteria (si parla di un importo che oscilla dai 100 ai 500 euro per ogni singolo codice non immesso), è comunque bene tenere presente alcuni dettagli.

In diversi casi, in genere la maggior parte, l’agente di viaggi o non è tenuto a emettere scontrino elettronico (ad esempio per quanto riguarda la biglietteria), oppure è obbligato a emettere fattura (pratiche 74 ter). In quest’ultimo caso ovviamente non è prevista la possibilità per lui di partecipare all’estrazione della lotteria riservata ai soli scontrini.

Spetterà dunque al dettagliante, nel caso il cliente ne facesse richiesta, precisare che l’obbligo di accettare il codice lotteria va di pari passo con quello di emettere lo scontrino elettronico.

Leggi qui maggiori dettagli sullo scontrino elettronico

Fonte: TTG Italia | Francesco Zucco

Redazione Travelgood

Redazione Travelgood

Travelgood è un Provider di servizi per le agenzie di viaggio. Offre soluzioni diversificate attraverso prodotti travel e tecnologie per il mercato turismo. Contattaci per aiutarti a migliorare l'efficienza e la produttività della tua Agenzia e rispondere in modo adeguato alle esigenze dei tuoi clienti.