Zoom Via-crucis-vivente-in-Italia Travelgood

Con l’avvicinarsi della Pasqua hanno inizio anche le celebrazioni tradizionali religiose organizzate dai comuni di tutta Italia. Il nostro Bel Paese, oltre a essere sede della Città del Vaticano, è meta di pellegrinaggio di molti stranieri.

Uno dei più famosi e suggestivi riti pasquali della Chiesa Cattolica è sicuramente la Via Crucis vivente. Durante questo rito, che si celebra solitamente il Venerdì Santo, quest’anno il 19 aprile, si ripercorre il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione.

La Via Crucis vivente, quindi, consiste nella processione che i cittadini, uniti ai turisti e ai pellegrini, compiono per le vie principali del paese. Seguiti dal parroco, dai chierichetti, e da alcuni concittadini vestiti con i costumi tipici dell’epoca, onorano uno degli episodi più importanti della passione di Gesù e della religione cattolica.

Sono migliaia le città, i paesi e i borghi sparsi in tutta Italia che celebrano ogni anno questa importante manifestazione religiosa. Alcuni di loro seguono ancora riti e tradizioni che hanno più di mille anni di storia. Travelgood ha individuato i luoghi più suggestivi in giro per l’Italia dove poter partecipare alla Via Crucis vivente nel 2019.

Via crucis vivente, i riti più suggestivi delle principali regioni italiane

1. Romagnano Sesia, Piemonte

Zoom via-crucis-vivente-piemonte Travelgood

Tra le regioni del nord Italia che celebrano la Via Crucis vivente troviamo il Piemonte, in particolare Romagnano Sesia. Qui durante il Giovedì e il Venerdì Santo degli anni dispari si mette in scena la Passione. In questi giorni è possibile assistere a veri e propri quadri viventi che camminano per il paese.

2. Vertova, Lombardia

Zoom via-crucis-vivente-lombardia Travelgood

Ci troviamo a Vertova, in provincia di Bergamo. Durante la processione del Venerdì Santo la Via Crucis vivente è costituita da Giudei e soldati romani. Uno dei fedeli, invece, rappresenta Cristo, con saio rosso e scalzo. Infine, viene portata a spalla dai fedeli una statua lignea di Gesù.

3. Frassinoro, Emilia Romagna

Zoom via-crucis-vivente-emilia-romagna Travelgood

In Emilia Romagna una delle Via Crucis viventi più suggestive è quella che si celebra a Frassinoro, in provincia di Modena. Una manifestazione religioso-popolare molto sentita dall’intera regione. Durante la processione gli abitanti del borgo compongono quadri viventi che raffigurano gli episodi della Passione di Cristo. Un rito che risale ai tempi della Controriforma, nel 1500. Ricordiamo che la Via Crucis si tiene durante il Venerdì Santo ogni tre anni e il 19 aprile 2019 sarà proprio uno di questi.

4. Cantiano, Marche

Zoom via-crucis-vivente-marche Travelgood

Ci troviamo nelle Marche, in un borgo Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. La Via Crucis vivente di Cantiano coinvolge la folla del paese, unita alla Turba, una moltitudine di figuranti in costumi ebraici e romani i quali si spostano da un luogo all’altro del paese. In questo modo è possibile assistere agli episodi principali della Passione entrando nel vivo della celebrazione.

5. Orte, Lazio

Zoom via-crucis-vivente-lazio Travelgood

La Via Crucis che si celebra a Orte, in Lazio è una delle più antiche d’italia. Ogni Venerdì Santo i gruppi delle confraternite sfilano con croci e simboli della Passione. Con loro i penitenti scalzi con catene alle caviglie. Il gruppo segue la bara che trasporta il Cristo morto, insieme alle piangenti, le Marie nerovestite e la statua dell’Addolorata. Al termine della processione i confratelli distribuiscono a tutti i fedeli dei fiori.

6. Chieti, Abruzzo

Zoom via-crucis-vivente-abruzzo Travelgood

A Chieti, In Abruzzo, si svolge una delle Via Crucis viventi più suggestive d’Italia. Risalente all’842, è considerata la più antica d’Italia. Vi partecipano centinaia di figuranti e oltre 10 congregazioni di fedeli. L’evento viene organizzato dalla confraternita del Sacro Monte dei Monti, risalente al ‘600.

Del ‘700, invece, è la tradizione dei 300 cantori e suonatori che accompagnano la processione degli incappucciati. Gruppi scultorei dell’800 sono trasportati da portatori che si tramandano l’incarico di generazione in generazione.

7. Calitri, Campania

Zoom via-crucis-vivente-campania Travelgood

Siamo in Campania, a Calitri, in provincia di Avellino. Qui si svolge ogni Venerdì Santo la cosiddetta processione dei Misteri. I confratelli dell’Immacolata Concezione sono vestiti di bianco, con capo incappucciato e coronato di spine.

Portano a spalla una croce fino alla collina del Calvario. Rito che, a quanto si dice, risale al periodo della prima crociata, quando un pezzo della Croce dalla Terrasanta fu portato da un cavaliere proprio a Calitri.

8. Isernia, Molise

Zoom via-crucis-vivente-molise Travelgood

In Molise, una delle più solenni processioni si celebra a Isernia. Qui la Via Crucis ha luogo il Venerdì santo. Consiste in un insieme di penitenti incappucciati con il capo cinto da corone di spine. Quasi 100 i fedeli che ogni anno partecipano trasportando pesanti croci e statue.

9. Taranto, Puglia

Zoom via-crucis-vivente-puglia Travelgood

A Taranto gli appuntamenti sono due: il Giovedì e il Venerdì Santo ogni anno hanno luogo tre processioni. La prima, detta dei Perdùne, ovvero i pellegrini che andavano a Roma per il Giubileo, vede i fedeli con la testa coperta da un cappuccio bianco sormontato da un cappello nero. Dal pomeriggio del Giovedì sfilano a piedi nudi fino a notte fonda.

La seconda, quella dell’Addolorata, è aperta dal Troccolante, che usa la troccola, ovvero una tavoletta di legno con denti di ferro per dare il ritmo all’intera processione. I fedeli percorrono 4 km, impiegano più di 10 ore.

Infine, Venerdì pomeriggio inizia la terza e ultima processione, quella dei Misteri, che consta di gruppi statuari e il simulacro del Cristo morto. Quest’ultima termina solo all’alba del Sabato Santo. In totale, si contano più di 40 ore di processione.

10. Nocera Terinese, Calabria

Zoom via-crucis-vivente-calabria Travelgood

A Nocera Terinese, Calabria, le celebrazioni iniziano già lunedì. La Settimana Santa raggiunge il suo apice proprio durante il Sabato Santo con i flagellanti in corteo. La Via Crucis vivente consta di figuranti che inscenano uno spettacolo a tratti cruento ma molto suggestivo. Si colpiscono le cosce e i polpacci fino a farsi sanguinare.

Già dalla domenica delle Palme tutto il paese partecipa attivamente a svariati rituali. La benedizione delle palme, la Cerimonia del Cireneo è il momento durante il quale “caccianu a Madonna”. La statua dell’Addolorata, infatti, viene esposta dopo essere stata nascosta in una nicchia velata per un anno intero. Verrà prelevata dalla chiesa solo il Venerdì Santo, in concomitanza della processione serale che termina a mezzanotte.

Redazione Travelgood

Redazione Travelgood

Travelgood è un Provider di servizi per le agenzie di viaggio. Offre soluzioni diversificate attraverso prodotti travel e tecnologie per il mercato turismo. Contattaci per aiutarti a migliorare l'efficienza e la produttività della tua Agenzia e rispondere in modo adeguato alle esigenze dei tuoi clienti.